isolamento-albero
Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia
EMDR Terapia a Torino, il trattamento della sindrome post traumatica da stress

Codificata e sviluppata dalla dott.ssa Francine Shapiro (Senior Research Fellow presso il Mental Research Institute di Palo Alto, California), l’EMDR si basa sull’assunto che la maggior parte delle psicopatologie derivino da precedenti esperienze traumatiche. In Italia, è possibile applicarla solo se si è completato il secondo livello di formazione dell’EMDR. Tale metodo si integra bene con altri approcci psicoterapeutici ed è volto a favorire la metabolizzazione delle tracce patologiche dell’esperienza passata tramite un percorso di elaborazione cognitiva, emotiva e corporea. Il nostro studio di Torino rimane a disposizione per una prima seduta.

Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia
PTSD ed elaborazione dei traumi

La terapia è particolarmente funzionale nel trattamento del Disturbo Post-traumatico da Stress (PTSD nel DSM IV) ma non solo. Questa è particolarmente applicata nei casi in cui un evento traumatico non viene superato compromettendo benessere e qualità della vita. Incidenti automobilistici, fenomeni di violenza, furti e scippi: questi e altri eventi possono essere causa di attacchi di panico, fobie, ansia e stress. Una volta metabolizzata, l’esperienza diventa parte del passato seppur integrata nella prospettiva attuale.

EMDR-2'-foto
EMDR-3'-foto
Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia
Tecnica EMDR e movimenti oculari in psicologia

La procedura clinica dell’EMDR è basata sull’attivazione dei movimenti oculari saccadici (oscillanti) nella fase di ricordo dell’evento traumatico. In altri termini, durante il racconto dell’esperienza, il soggetto è sottoposto a stimolazioni bilaterali di varia natura (soprattutto movimenti oculari). In questo senso, l’accesso al trauma non è verbale ma neurofisiologico e dà il là all’elaborazione cognitiva successiva. Per i traumi singoli in un soggetto con personalità ben strutturata, l’EMDR richiede un ciclo che va cinque a dieci sedute da un’ora ciascuna. In condizioni più complesse e sedimentate la durata varia da caso a caso.

E.M.D.R. (Eye Movement Desensitization and Reprocessing)

Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari

(a cura di Carlo Tetti)

Il metodo è stato codificato e sviluppato dal 1979 dalla dott.ssa Francine Shapiro (Senior Research Fellow presso il Mental Research Institute di Palo Alto, California) e si basa sulla convinzione che la maggior parte delle psicopatologie derivino da precedenti esperienze traumatiche di vita che continuano ad influenzare lo stato attuale della persona.

In Italia l’applicazione dell’EMDR è esclusivo appannaggio degli psicoterapeuti abilitati all’uso del metodo attraverso corsi tenuti da membri dell’Associazione dell’EMDR.

E’ un metodo che si integra bene con differenti approcci psicoterapeutici e non impone la rinuncia o il cambiamento della propria matrice teorica di riferimento.

Obiettivi e campo di applicazione

L’obiettivo della terapia con l’EMDR è di favorire ed accelerare la metabolizzazione del residuo disfunzionale dell’esperienza passata, coinvolgendo in questa elaborazione gli aspetti cognitivo, emotivo e corporeo.

Dopo il trattamento con l’EMDR il paziente ricorda ancora l’evento o l’esperienza traumatica, ma sente che fa parte veramente del passato e il contenuto è totalmente integrato in una prospettiva più attuale.

L’indicazione elettiva del metodo è il trattamento del Disturbo Post-traumatico da Stress (PTSD nel DSM IV) ma non solo.

I casi più frequenti sono quelli in cui un evento più o meno traumatico della vita non viene superato ma rimane una presenza costante nei pensieri, nelle emozioni, nei ricordi ricorrenti, nel sonno disturbato. Ad esempio: un incidente automobilistico che non riesco a dimenticare, uno scippo, un furto in casa, una violenza subita che torna continuamente nei pensieri, condiziona i comportamenti e può determinare un malessere anche fisico.

Il metodo è inoltre in fase di sperimentazione su altri tipi di patologie che includono un nucleo traumatico non elaborato, come i disturbi da attacco di panico, le fobie, il lutto patologico, nonché per il trattamento di quei disturbi d’ansia e da stress che spesso hanno origine da piccoli traumi ripetuti.

Modalità e meccanismo di azione

La procedura clinica è basata sull’attivazione dei movimenti oculari saccadici, cioè oscillanti (o di altre stimolazioni bilaterali) durante il ricordo rivissuto di eventi traumatici che paiono “bloccati e congelati” nel sistema neurovegetativo del paziente, che ne continua a subire gli effetti negativi.

In pratica, e semplificando, si tratta di far rivivere al paziente l’esperienza traumatica sia a livello cognitivo che emotivo corporeo e, contemporaneamente, dare stimolazioni bilaterali di varia natura, in primis movimenti oculari.

Con questo metodo la via di accesso al trauma non è verbale, ma neurofisiologica; l’elaborazione cognitiva è successiva. E’ come se la funzione fisiologica di elaborazione delle esperienze venisse sbloccata e messa in grado di agire dagli stimoli neurologici indotti dal terapeuta. Tali stimoli paiono simili a quelli dei Movimenti Oculari Rapidi presenti nel sonno R.E.M. (correlato ai sogni e all’elaborazione delle informazioni della giornata) e probabilmente hanno una funzione riequilibratrice tra i due emisferi cerebrali e fra centri corticali e sottocorticali ( in particolare corteccia e amigdala).

Durata del trattamento

Per i traumi da evento singolo in personalità ben strutturate e prive di nuclei problematici profondi, l’EMDR richiede un ciclo di 10 – 15 sedute settimanali da un’ora ciascuna.

Se i traumi sono ripetuti o sono accaduti nell’infanzia, l’applicazione richiede tempi più lunghi, affiancandosi ad una psicoterapia condotta dallo stesso terapeuta.

La mia esperienza

Ho seguito il corso di I livello con Roger Solomon, Ph.D. (allievo diretto della Shapiro, consulente per organizzazioni quali la NASA , la CIA, membro direttivo della task force del governo USA per le emergenze) nel novembre 2002 a Milano.

Dopo due anni di pratica in cui ho utilizzato il metodo nelle patologie “semplici” o a trauma singolo, ho seguito il corso di II livello, sempre con Roger Solomon, nell’ottobre 2004 a Milano, dedicato all’approfondimento del metodo e alla sua applicazione in patologie più complesse.

A mio parere il metodo risulta efficace nelle terapie brevi focalizzate su un disagio circoscritto conseguente (anche non consapevolmente) ad un evento traumatico.

Sto inoltre verificando che con pazienti in psicoterapia psicoanalitica di più ampio respiro risulta utile per superare momenti di stallo stimolando l’emergere di materiale emotivo che si presta poi ad essere elaborato.

Bibliografia

Giannantonio M., (a cura di), Psicotraumatologia e psicologia dell’emergenza, Salerno, Ecomind, 2003

Shapiro F., (1995), EMDR Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari, Milano, McGraw-Hill, 2000

Shapiro F., Silk Forrest M., (1997), EMDR, Roma, Astrolabio-Ubaldini, 1998

Per Informazioni

""
1
Nomeinserire nome
Cognome
Tel
Messaggio
0 /
Previous
Next
Terapia di coppia
My title
My Subtitle
Psicoterapia Psicoanalitica
My title
My Subtitle
Analisi Transazionale
My title
My Subtitle
Terapia focale dei disturbi della sessualità
My title
My Subtitle
EMDR
My title
My Subtitle
Contatti
Corso XI Febbraio n. 29  –  Torino 10152
info@studiotetti-deandrea.com
338 832 87 46
011 521 29 14 (segreteria telefonica)